MANIFESTAZIONE REGIONALE MIGRANTI A BOLOGNA

Reggio Emilia, 08/11/2010 “ ‘Demagogia’ vuol dire parecchie cose: nel senso deteriore, significa servirsi delle masse popolari, delle loro passioni sapientemente eccitate e nutrite, per propri fini particolari, per le proprie piccole ambizioni (il parlamentarismo e l’elezionismo offrono un terreno propizio per questa forma particolare di demagogia che culmina nel cesarismo e nel bonapartismo con i suoi regimi plebiscitari)”. (1°) ADERIAMO E PARTECIPIAMO ALLA MANIFESTAZIONE REGIONALE DEI/CON I MIGRANTI IL 13 NOVEMBRE A BOLOGNA (concentramento ore 14,30 P.zza XX Settembre) A Brescia i lavoratori migranti, impegnati in una forma estrema di lotta per ottenere il permesso di soggiorno, hanno dichiarato: “Quando ci hanno caricato sabato scorso, impedendoci di manifestare per i nostri diritti, quando hanno smantellato il nostro presidio, non lo sapevano, ma ci hanno rafforzato. E’ stato come dirci che non abbiamo più nulla da perdere. Ora non possiamo lasciare la battaglia a metà”. Questa battaglia, dei lavoratori migranti di Brescia, è comune a tutti i 4 milioni 919 mila stranieri presenti nel nostro paese, alla incidenza media sulla popolazione residente in Emilia Romagna pari al 7% ed a quella della nostra Provincia pari ad oltre il 12% degli abitanti. Gli stranieri sono circa il 10% degli occupanti come lavoratori dipendenti, sono titolari del 3,5% delle imprese, incidono per l’11,1% sul prodotto interno lordo (dato del 2008), pagano 7,5 miliardi di Euro di contributi previdenziali, dichiarano al fisco un imponibile di oltre 33 miliardi di Euro. (2°). La loro battaglia è quindi identica a tutti i lavoratori italiani, a tutti coloro che vivono del proprio lavoro, che sono preoccupati per i loro diritti, calpestati e negati da questo governo razzista e xenofobo. Per questi motivi agire e lottare contro il razzismo, per l’abrogazione della legge Bossi-Fini, del Pacchetto sicurezza, del permesso di soggiorno a punti, contro il ricatto del contratto di soggiorno per lavoro, contro il reato di clandestinità, vuol dire lottare per i diritti di tutti. Ed è per questi motivi che invitiamo tutti i compagni iscritti al Partito della Rifondazione Comunista ed alla Federazione della Sinistra, a partecipare e fare partecipare con le nostre bandiere ed i nostri simboli a questa manifestazione. Partito della Rifondazione Comunista Federazione di Reggio Emilia (1°) Antonio Gramsci, Liberazione, anno XX n. 254, 1° Pagina; (2°) Dossier Immigrazione, rapporto annuale redatto da Caritas e Fondazione Migrantes. Ricordiamo a tutti che per la manifestazione antirazzismo del 13 Novembre si sta organizzando un pullman per andare a Bologna: stiamo raccogliendo già adesso le adesioni! Potete comunicare la vostra partecipazione a Paola (347-5844115), Amabile (335-6520238) o Flavia (347-1110155) al più presto.
FacebookWhatsAppBlogger Post