Campagna di sostegno alle donne curde di Kobane

Combattenti curde a Kobane
Combattenti curde a Kobane

"Se volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità della nazione, andate là, o giovani, col ensiero, perché è là che è nata la nostra Costituzione" (Pietro Calamandrei).

...Hanno lo sguardo fiero, quello di chi non si abbassa alla prevaricazione, quello di chi combatte per la propria terra e per i propri figli: sono le donne di Kobane. Le guerriere della resistenza curda che insieme ai loro uomini hanno sconfitto l'assedio dell'Isis durato quattro mesi. Sono state identificate come partigiane, guerriere contro il nuovo fascismo, rappresentanti del movimento femminile proletario, prendendosi la solidarietà di donne e uomini. Sono quelle che hanno liberato la loro città: la vittoria contro i tagliagola del Califfato è anche merito loro.

CONTINUA LA CAMPAGNA DI SOSTEGNO ALLE DONNE CURDE DI KOBANE: chi vuol partecipare scriva a tasselli.gianni@gmail.com.

Circolo Rifondazione Comunista Correggio

FacebookWhatsAppBlogger Post

Jobs Act, siamo tutti precari a vita

jobsactapprovatoLa data del 07/03/2015 sarà ricordata come una storica giornata nera per le lavoratrici ed i lavoratori italiani e in generale per il diritto al lavoro: il contratto a tutele crescenti entra ufficialmente in vigore cancellando alcune delle più efficaci tutele per i subordinati italiani nei confronti dei datori di lavoro, tra cui l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori contro i licenziamenti illegittimi. Continue reading Jobs Act, siamo tutti precari a vita

FacebookWhatsAppBlogger Post

Palazzo Contarelli (Correggio) diventi luogo delle Donne

“Bisogna essere combattive, non timide. Chi ha meno diritti si deve battere per averli e non aspettare che piovano dall’alto. L’educazione è il solo strumento per la vera indipendenza” (Margherita Hack)

Rifondazione Comunista propone che il Palazzo Contarelli diventi luogo delle Donne: una casa che accolga, ospiti e sostenga tutte le vittime di violenza e dall’indifferenza della società. Per concedere e offrire a tutte le donne del territorio lo spazio e il tempo per incontrarsi, conoscersi, scambiare esperienze e fare in modo che sia luogo per continuare a tessere legami d’ appartenenza.

Approfondimento e raccolta firme

Circolo Rifondazione Comunista Correggio

FacebookWhatsAppBlogger Post